imagihttp://osservatorionline.it/media///2014/07/focus.png

Mattatore principale di questo nuovo ciclo d’incontri “Inspire a generation: still revolutionary” è stato soprattutto Beppe Severgnini che tra Roma (Liceo Classico G. Cesare), Modena e Milano (Liceo Classico Parini) ha incontrato più di 600 studenti. Con loro il giornalista del Corriere della Sera, oltre che blogger per due anni del ilquotidianoinclasse.it, ha parlato di informazione e digitaleInformatevi, fatelo anche  in modo digitale e non preoccupatevi se non riuscite a farlo sfruttando i sistemi tradizionali”.

Ha parlato di futuro, sottolineando l’importanza del web come strumento per allenare lo spirito critico dei ragazzi, rassicurando però i docenti I professori non devono avere paura di saperne meno degli studenti riguardo al mondo del web”.

Come non parlare poi di web e social network con il giornalista italiano più seguito su Twitter con 350mila followers. Secondo Severgnini Twitter è uno strumento che può rivelarsi di grande aiuto per chi deve esercitarsi ed essere sintetico nella scrittura “Twitter è uno spazzolino per la vostra igiene mentale, un bellissimo esercizio di sintesi… basta twittare solo due o tre volte al giorno, dando sempre un valore aggiunto a quello che si dice . L’importante, poi, è non prendersi troppo sul serio”

Ecco un estratto dell’incontro di Roma:

Per vedere gli altri video clicca qui