imagihttp://osservatorionline.it/media///2017/07/messaggero.jpg

La scienza che intriga

Il Programma per la valutazione internazionale dell'allievo (Programme for International Student Assessment, più noto con l'acronimo PISA) promosso dall'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), ci ha portato in questi anni a riflettere in maniera più precisa sulle competente dei ragazzi e sul tema del loro successo scolastico. Durante la stesura di questa scheda non sono ancora disponibili le elaborazioni dei dati dell'ultima rilevazione internazionale ma anche i dati precedenti ci offrono alcuni spunti di riflessione.

Qui ci fermiamo a riflettere in maniera specifica sulle discipline scientifiche non per una loro presunta superiorità – l'obiettivo della scuola è aiutare ogni ragazzo a sviluppare tutte le sue competenze – ma perché per un quindicenne di oggi un ritardo in questa disciplina può avere grosse conseguenze. Se è vero che l'Italia non ha brillato particolarmente in questi anni:

“Sopra il livello minimo di tutte e tre le competenze prese in esame, si colloca il 69% dei quindicenni italiani, contro il 95% dei coetanei di Shanghai. La media OCSE è il 71,6%."

Vediamo anche alcuni segni di miglioramento che speriamo siano confermati dall'ultima rilevazione:

“Anche i dati sulle scienze fanno registrare un'evoluzione più positiva nelle prestazioni: la percentuale di studenti con risultati eccellenti è inferiore alla media OCSE ma è aumentata dell'1,5% tra il 2006 e il 2012.”

Se andiamo a leggere i dati più nel dettaglio vediamo come in Italia ci sia una realtà molto variegata. A prima vista ci verrebbe da parlare di differenze a livello regionale (e così molto spesso i media ce le presentano) con alcune regioni sopra la media OCSE, altre in linea con la media e alcune regioni purtroppo sotto la media.

CLICCA QUI PER SCARICARE E STAMPARE LA SCHEDA COMPLETA