imagihttp://osservatorionline.it/media///2017/07/messaggero.jpg

header

Pagine di guerra: leggere, comprendere, crescere: 2006

Una seconda indagine, dopo quella del 2004, che approfondisca i risvolti civili e sociali dell'iniziativa "Il Quotidiano in Classe": ecco l'obiettivo di questa ricerca promossa dall'Osservatorio Permanente Giovani-Editori, realizzata dall'Istituto Gfk Eurisko e presentata alla seconda edizione del convegno "Giovani Lettori, Nuovi Cittadini" promosso dall'Osservatorio in collaborazione con Acri.

La ricerca ha mostrato come l'iniziativa "Il Quotidiano in Classe" coinvolga sino all'entusiasmo studenti e insegnanti.
Il desiderio dei giovani che partecipano è che l'iniziativa prosegua e che venga riconosciuta quale "materia obbligatoria".

I riflessi ed i benefici civili e sociali dell'iniziativa sui giovani "lettori" sono evidenti:
più interesse verso la politica, più impegno partecipativo, maggiore propensione ad andare a votare;
più coinvolgimento sui conflitti geopolitici, in particolare per quello iracheno;
riconoscimento ai quotidiani di un ruolo importante nella formazione di punti di vista ed opinioni sui conflitti in corso.

Per visionare il contenuto della ricerca commissionata dall'Osservatorio Permanente Giovani-Editori all'Istituto Gfk Eurisko cliccare sulla copertina: