imagihttp://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

FOCUScuola: redazioni di classe

L’Osservatorio Permanente Giovani-Editori insieme alla rivista scientifica Focus hanno promosso, per l’anno scolastico 2018-2019, la nona edizione del concorso “FOCUScuola: redazioni di classe”.

Il concorso ha previsto l’elaborazione, da parte delle scuole aderenti, di un piccolo giornale di classe sul modello del mensile Focus. I lavori vincitori daranno vita a un inserto speciale, che sarà pubblicato all’interno del numero di Focus successivo alla cerimonia di premiazione del concorso.

Il progetto è nato dal comune obiettivo di preparare le nuove generazioni a un rapporto maggiormente informato e consapevole con le tematiche legate alla cultura scientifica e a un utilizzo migliore degli strumenti che i giovani hanno a loro disposizione, nella consapevolezza che anche con la promozione della cultura scientifica tra le giovani generazioni si possa contribuire alla crescita del nostro Paese.

L’iniziativa si è proposta di stimolare i ragazzi a formarsi una propria opinione sui temi scientifici: opinioni fondate sull’informazione, senza preconcetti, e che possano ampliare il loro spettro di conoscenza, in modo che siano messi nella condizione di capire, di informarsi e di muoversi con maggiore sicurezza in ambito scientifico.

Gli studenti iscritti al concorso hanno avvuto la possibilità di utilizzare, come strumenti, i quotidiani e le copie di Focus ricevute direttamente a scuola nel corso dell’anno scolastico, sotto la guida dei loro insegnanti, per dedicarsi prima a una fase di lettura, di comprensione e documentazione, e poi di produzione, lavorando in gruppo, passando a una fase di lavoro più dinamica, all’azione o, meglio, alla “redazione”, attraverso interviste, reportage, documentandosi di persona: un impegno che ha rappresentato anche un’occasione per allacciare e approfondire i rapporti col proprio territorio.

Tutti gli elaborati inviati nell'ambito dell'iniziativa sono al vaglio della Giuria.

Il progetto mirava quindi a valorizzare il lavoro creativo e a costituire anche un percorso di apprendimento per sviluppare le capacità organizzative, di scrittura, di approfondimento, di analisi e di sintesi degli studenti coinvolti. Il lavoro collettivo ha dato anche l’opportunità ai ragazzi di confrontarsi tra loro, portandoli a rispettare gli altri, a cercare un punto d’incontro e a mediare per trovare soluzioni, costruendo le basi per imparare l’importanza del lavoro di gruppo.

Tornate a visitare la pagina a settembre per conoscere tutte le novità della prossima edizione!