imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

venerdì, 13 Maggio 2011 Marcus Brauchli, 'The Washington Post': "La stampa libera è importante per le Democrazie"

Il direttore auspica una stampa libera "per liberare le menti"

"La recente rivoluzione egiziana è partita da uno sconosciuto blogger del Cairo che ha cominciato a divulgare ciò che i media ufficiali di regime tacevano". È partito dall'attualità Marcus Brauchli, direttore del quotidiano The Washington Post, per spiegare ai ragazzi di "Crescere tra le Righe" quanto la libera informazione sia importante non solo per le Democrazie, ma per tutte le società che aspirano ad essere più libere.

Invitato a Borgo la Bagnaia da Andrea Ceccherini, che con l'Osservatorio da dieci anni avvicina i ragazzi alla lettura dei giornali quotidiani, il direttore di uno dei più autorevoli quotidiano degli Stati Uniti è intervenuto sul tema "Strong Press, Strong Democracy", dando vita ad un faccia a faccia intenso con circa 200 studenti arrivati da tutta Italia in rappresentanza del 1.802.000 che, nelle scuole superiori del Paese, una volta alla settimana leggono in classe tre giornali a confronto.


"In Egitto le rivolte sono partite dalle notizie divulgate dal blog, in Cina per la stessa ragione molti pubblici ufficiali hanno perso il posto e sono stati arrestati, in Messico la pubblica opinione è stata sensibilizzata contro la criminalità e per questo i criminali uccidono molti giornalisti. Tutti questi esempi di Paesi molto diversi tra loro - ha spiegato Brouchli - dimostrano che la stampa libera, aiutata anche dalla tecnologia, è fondamentale per tutte le società, ma in particolare per le Democrazie, che hanno bisogno di controllo tanto quanto gli altri poteri".

"La tecnologia - ha proseguito il direttore del The Washington Post intervistato da Maria Latella - significa moltiplicazione delle fonti, molto difficile da gestire per chi è al potere. I politici degli Stati Uniti, le persone più potenti della Nazione più potente non hanno alcun potere verso i media, in particolare i social media".



top news: le notizie e gli eventi dell'Osservatorio

pag. 1   2   3   4   5   6