imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

giovedì, 19 Maggio 2011 Jeff Bewkes: "Leggete tra le righe per conoscere la verità"

Il presidente e Ceo di Time Warner sul "Quotidiano in Classe": E' Il progetto più importante in Europa legato all'editoria e al mondo giovanile e ritengo debba essere una esperienza da proporre anche in America"

(Borgo La Bagnaia - Siena - 13 maggio 2011) Jeff Bewkes - Presidenten e Amministratore delegato Time Warner. Il ‘capo dei capi' del colosso dell'informazione e filmografia statunitense ha incitato i ragazzi ad usufruire del pluralismo informativo per informarsi e tutelare la democrazia.

"Agli studenti pieni di promesse suggerisco di leggere non solo per sapere, ma anche per capire. Se non lo facciamo prederemo la nostra democrazia e la nostra libertà. Io leggo i giornali quotidianamente e seguo notiziari americani e stranieri".

"Nella storia correnti di pensiero, dal nazismo all'integralismo islamico, hanno cercato e cercano di spazzare via ciò che è democratico. Spetta alle nuove generazioni decidere se il mondo sarà ancora civile e civilizzato. Voi siete studenti approfondite la vostra conoscenza, dalla storia alla filosofia, dalla scienza alla letteratura. Oggi, anche grazie a internet e ai new media, abbiamo molte fonti di informazioni, ma ciò che viene riportato deve essere attendibile, corretto e responsabile. Non fatevi accecare dalla passione personale, dall'opinione altrui, cercate tra le righe, leggete per capire ciò che accade, ci vuole tempo, ma vi renderà più saggi", ha sottolineato Bewkes.  

"Twitter, Facebook e i blog ci mettono in connessione con gli amici, ma molto spesso ci forniscono notizie di parte o solo una parte del fatto accaduto. La lettura dei giornali, invece, favorisce i giovani nel sentirsi parte del processo democratico e civile, li avvicina e li fa appassionare alla politica".

"Il progetto de ‘Il Quotidiano in classe' promosso dall'Osservatorio permanente Giovani Editori è il progetto più importante in Europa legato all'editoria e al mondo giovanile e ritengo debba essere una esperienza da proporre anche in America", ha concluso Bewkes.



pag. 1   2   3   4   5   6