imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

martedì, 16 Luglio 2013 Prove Invalsi: meglio gli studenti del nord

Ecco cosa è emerso dall'ultimo Rapporto Nazionale dell'Istituto sulle prove Invalsi di quest'ultimo anno.

Secondo quanto emerge dal  Rapporto Nazionale dell’Istituto, che ogni anno fornisce un quadro generale sui requisiti qualitativi del sistema d’istruzione e di formazione italiano, l’anno scolastico 2012/2013 ha evidenziato, nelle prove Invalsi, un certo divario tra gli studenti del Nord e quelli del Sud, con il Nord che vince.

Per quanto alcune regioni come l’Abruzzo, il Molise, la Puglia e la Basilicata stiano migliorando, ad ottenere i risultati  migliori sono gli studenti della Provincia Autonoma di Trento, del Friuli Venezia-Giulia, del Veneto, del Piemonte e delle Marche. Anche le regioni del centro mostrano un peggioramento rispetto a quanto emerso nei precedenti rapporti.

Campione di riferimento 9.047 classi e 189.493 studenti, un campione statisticamente rappresentativo:  quest’anno, nelle prove di matematica e di italiano sono state coinvolte complessivamente 141.784 classi e 2.862.759 studenti. Gli studenti appaiono più ferrati, per quanto riguarda l’italiano, sui testi narrativi, meno sulla grammatica; per quanto riguarda invece la matematica le maggiori difficoltà si rilevano per argomenti come “relazioni e funzioni” mentre i “numeri” destano meno preoccupazioni.

Il rapporto presentato appare in linea con quanto emerso nelle precedenti indagini: le regioni del Sud tendono ad ottenere risultati meno positivi, risultati che sono già presenti ai gradi iniziali, per poi ampliarsi, in generale, nel corso del ciclo di studi.

Chissà cosa accadrà il prossimo anno!

Fonte: lastampa.it 



news del giorno: pensieri quotidiani dall'Osservatorio

pag. 1   2   3   4   5   6