imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

martedì, 19 Novembre 2013 Meno di uno studente su 10 partecipa ad uno stage aziendale

Lo rivelano i dati del Ministero che ha coinvolto 3.177 Istituti Superiori e 78 mila imprese

Lo stage in azienda dovrebbe permettere ai ragazzi di orientarsi meglio una volta terminata la scuola ma purtroppo sono davvero pochi quelli che riescono a farne uno, un gran peccato se si pensa che chi ha avuto la possibilità di frequentare uno stage ha visto accrescere il proprio percorso formativo.

In Italia questo innovativo percorso formativo stenta a decollare, come riportato dai dati elaborati da Indire per il Ministero dell’Istruzione. Secondo questi dati solitamente nel corso dell’ultimo anno scolastico gli studenti coinvolti nell’alternanza scuola/lavoro sono quasi 228mila, all’incirca l’8,7 per cento di tutti gli iscritti alle scuole superiori.Raramente quest’alternanza è presente nei licei, aumenta invece negli istituti tecnici (6,3 per cento) e negli istituti professionali  (28,3 per cento). Qualche passo in avanti rispetto al passato si è fatto (nell’anno scolastico 2011/2012 sono stati 189 mila gli studenti coinvolti) ma si può fare ancora di più. “I dati indicano che si sta andando nella giusta direzione, proprio perché l’alternanza è utile», riferisce Andrea Gavosto, direttore della Fondazione Giovanni Agnelli, e aggiunge «non è ancora abbastanza, soprattutto in un sistema scolastico, come quello italiano, dove l’astrazione viene preferita alla praticità». Non sono pochi i problemi quando i giovani entrano nel mondo del lavoro: «al netto delle difficoltà congiunturali – dice sempre Gavosto - molti direttori del personale si lamentano di avere a che fare con ragazzi disorientati, che non hanno idea di come si sta in un’azienda o di come ci si comporta con capi o colleghi».

Sarà importante capire anche come integrare queste attività extra scolastiche di stage con il percorso formativo della scuola che di certo non potranno ridursi a pochi giorni o addirittura in alcuni casi a poche ore!

Fonte ilcorriere.it



pag. 1   2   3   4   5   6