imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

venerdì, 04 Luglio 2014 Il registro Web per le università europee

Lauree, corsi e docenti possono essere a confronto grazie ad un archivio online condiviso

Si chiama Eter (European Tertiary Education Register) ed è un servizio lanciato di recente dalla Comunità Europea: si tratta di un archivio online che mette insieme i dati di  2.673 università appartenenti a 36 tra paesi dell’Unione Europea e paese extra Unione, dati assolutamente compatibili tra di loro perché seguono gli stessi criteri di catalogazione. Tipologia di lauree, corsi, studenti, docenti, personale, programmi, attività di ricerca, progetti internazionali, tutto pubblico e consultabile, università per università. Andrea Bonaccorsi, esperto in sistemi di innovazione, ordinario presso la facoltà di Ingegneria di Pisa: “mancano ancora le informazioni finanziarie, perché non tutti gli uffici di statistica sono autorizzati a rilasciarle, ma sarà uno dei capitoli che verranno aggiunti prossimamente”.

Il database, Eter, è permanente ed è regolarmente aggiornato; qui è possibile trovare informazioni su gli atenei italiani, l’Italia è il quarto paese per numero di atenei (176), preceduta solo da Germania (374), Polonia (286) e Francia (283). Chi può essere più interessato a utilizzarlo? Chi ha a che fare con  le statistiche a fini di ricerca, chi deve prendere decisioni politiche nel gestire il sistema universitario europeo in modo unitario, ma anche gli studenti, i media, gli istituti. Il confronto tra gli atenei può permettere di identificare più facilmente nuove opportunità di collaborazione e ricerca. Non è da escludere che l’ulteriore sviluppo del database,  con l’inserimento dei giudizi sulle strutture, sull’occupabilità dei laureati, sulle pubblicazioni e sui risultati nella ricerca, possa trasformare Eter in un potente strumento di marketing.

Fonte ilcorriere.it

 

 



pag. 1   2   3   4   5   6