imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

martedì, 05 Maggio 2015 Poco meno di tre settimane all'inizio della nona edizione del convegno “Crescere tra le righe”

Ecco cosa e chi dobbiamo aspettarci

Mancano ormai poche settimane all’avvio della nona edizione del convegno “Crescere tra le righe” e fervono i preparativi. Come annunciato il mese scorso dal Presidente dell’Osservatorio Permanente Giovani-Editori, Andrea Ceccherini, con queste parole “è' la cifra internazionale delle leadership in gioco l'assoluta caratteristica di questa nuova edizione del nostro convegno. Un convegno che vuol essere fonte di ispirazione per tutti coloro che credono nel cambiamento, anche nel mondo dell'informazione.‎ Deve essere chiaro, infatti, che non c'è innovazione senza sperimentazione. E che la sperimentazione deve diventare la via maestra anche di casa nostra. Con questa filosofia, saranno benvenuti a Bagnaia tutti coloro che sapranno far prevalere l'innovazione sulla conservazione, la fiducia  sul timore, la speranza sulla paura. Il futuro è di chi ha coraggio, e Bagnaia è tutta loro”, il convegno si terrà 22 e 23 Maggio a Borgo La Bagnaia, in provincia di Siena. La nona edizione di “Crescere tra le righe” si preannuncia assolutamente unica, sempre più orientata verso i modelli internazionali grazie alla presenza di alcuni tra i maggiori leader mondiali dei media sia cartacei che digitali e televisivi.

Il parterre dei relatori che si alterneranno in poco meno di 48 ore sul palco del convegno può preannunciare l'unicità di questa edizione: quattro direttori dei più importanti quotidiani americani: Dean Baquet, Direttore del The New York Times, Gerard Baker , Direttore del The Wall Street Journal, Davan Maharaj, Direttore del Los Angeles Times e Marty Baron, Direttore del The Washington Post. Le case history, nazionali e internazionali, che arricchiscono il programma della due giorni: a partire da quella del gruppo del The New York Times con la sua strategia sul nuovo modello di business, che sarà rappresentato a Bagnaia, dal suo amministratore delegato Mark Thompson per proseguire poi  con Jeff Bewkes, l’amministratore delegato del colosso mondiale dei media Time Warner, che conta tra i suoi brand la tv CNN e i magazine Time, People, Fortune e Sports Illustrated oltre alla major dell’entertainment Warner Bros.  Il colosso “Google” salirà per la prima volta sul palco di Bagnaia con Richard Gingras, Senior Director dei prodotti News e Social Google.

Anche quest’anno il convegno chiude le porte ai politici, ma non mancheranno gli interventi di numerosi esponenti del mondo dell’editoria, dell’impresa, del settore bancario oltre ad autorevoli esponenti della società civile. Tra gli ospiti dell'editoria italiana si segnalano, tra gli altri : il Presidente della Stampa e di FCA Group John Elkann, l’Amministratore Delegato de Il Sole 24 Ore Donatella Treu, l'Amministratore Delegato di Rcs MediaGroup, Pietro Scott Jovane, l’Amministratore Delegato di Poligrafici Editoriale Andrea Riffeser Monti, l’Amministratore Delegato di Mondadori Ernesto Mauri e direttori di quotidiani e di canali tv come quello di Rainews24, Monica Maggioni, de La Stampa, Mario Calabresi, di Quotidiano Nazionale, Andrea Cangini, de Il Messaggero, Virman Cusenza e de Il Sole 24 Ore, Roberto Napoletano, oltre ad autorevoli giornalisti come Aldo Cazzullo, Carlo Verdelli e Bruno Vespa.

Presenti anche grandi personalità dell’impresa, del settore bancario e della società civile: dal Ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, al Vice Presidente di UniCredit, Fabrizio Palenzona, dal Presidente di Telecom, Giuseppe Recchi, al Presidente di Pirelli, Marco Tronchetti Provera, dal Presidente dell'Acri, Giuseppe Guzzetti, sino all'Ambasciatore Americano in Italia, John R. Phillips, e al Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana, Monsignor Nunzio Galantino.

A condurre questa intesa due giorni è stata scelta una coppia inedita: la direttrice di SKY TG24, Sarah Varetto, e il Vice  Direttore de La Stampa e volto noto della trasmissione tv Che tempo che fa, Massimo Gramellini.



pag. 1   2   3   4   5   6