imagihttp://osservatorionline.it/media///2017/07/messaggero.jpg

header

Il talento? Questione di CL@SSE. Edizione 2018/2019

La scuola, oggi, non è solo l’ambito a cui la società assegna il compito di trasmettere cultura e valori, ha anche il dovere divalorizzare e riconoscere il merito e sollecitare i ragazzi a sviluppare i propri talenti.

In questa direzione l’Osservatorio Permanente Giovani-Editori e Pirelli  realizzeranno, nell’anno scolastico 2018-2019, la quarta edizione del concorso “Il talento? Questione di CL@SSE”: un vero e proprio percorso per aiutare gli studenti a capire che esiste un cammino possibile di crescita diverso per ciascuno. Il “dna” di Pirelli è da sempre contraddistinto dalla valorizzazione del talento, elemento imprescindibile per il raggiungimento dell’eccellenza, e si riflette nella collaborazione a questo concorso che supporta gli studenti nel riconoscere, coltivare ed esprimere il talento come patrimonio per la loro crescita.

Un’iniziativa concorsualeche si rivolgerà alle scuole secondarie di secondo grado di tutta Italia iscritte al progetto “Il Quotidiano in Classe”, e che offrirà ai docenti partecipanti un percorso didattico peraprire una riflessione nelle classi intorno al tema della valorizzazione di sé stessi, alla scoperta delle qualità e dei talenti di ciascuno. La finalità del concorso sarà quindi aiutare i giovani a costruire il loro futuro partendo dal presente: scoprire e imparare a conoscere meglio ciò che sono, per capire come crescere e migliorare, come affinare le capacità, valorizzare le doti e coltivare i talenti.

 Qualche ultimo consiglio!

Non ci aspettiamo dei lavori da “film maker”: anche se dal punto di vista qualitativo il lavoro non è eccellente non è importante, cosa fondamentale invece è che ci sia dietro una “storia” e che la scelta del personaggio venga contestualizzata dagli studenti nel video. Infine, i personaggi presi ad esempio come “talenti” non necessariamente devono essere di alto profilo, l’importante è che siano dei veri modelli per i ragazzi.