imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

mercoledì, 23 Settembre 2015 Professionisti nelle scuole per insegnare a scrivere un CV

Succede nelle scuole superiori inglesi per aiutare gli studenti con la scelta del lavoro

Per aiutare gli studenti delle superiori nella scelta del lavoro il governo inglese si è inventato una curiosa iniziativa. E sì perché nelle scuole inglesi, da quest’anno, la ricerca del lavoro comincia a scuola. Il governo britannico ha deciso di creare una serie di commissioni tecniche per dare consulenza alle scuole superiori e anche all’università. L’obiettivo è insegnare ai ragazzi i requisiti richiesti dalle singole professioni, illustrare i dettagli dell’apprendistato, fornire suggerimenti sulla base del curriculum dei singoli. Tutte queste attività non possono essere svolte dai professori, già impegnati negli aspetti didattici, pertanto sono stati chiamati dei professionisti, di diversi settori. La presenza di questi professionisti non può che dar vita ad un vero e proprio ponte con il mondo produttivo.

Anche in Italia le associazioni di categoria, come ad esempio quelle artigiane, hanno da anni l’idea di creare gruppi di orientamento e hanno cominciato già a promuovere degli incontri nelle scuole per i ragazzi dell’ultimo anno. In Gran Bretagna è stato lo stesso governo ad istituire questo servizio, attraverso la creazione di un’agenzia nazionale per l’impresa e la carriera, incaricata di coordinare le varie commissioni e di programmare la loro attività. I diversi professionisti incaricati di seguire questi incontri  saranno anche chiamati a spiegare ai ragazzi come scrivere un curriculum vitae, a programmare giornate di formazione con aziende del territorio, ad illustrare gli sbocchi possibili nei diversi settori. Secondo alcune recenti  indagini inglesi i giovani che hanno avuto contatti con il mondo del lavoro già durante il loro corso di studi, hanno poi ottenuto un impiego più soddisfacente. Ecco anche il motivo di questa rivoluzionaria iniziativa.

Fonte corriere.it



pag. 1   2   3   4   5   6