imagihttp://osservatorionline.it/media///2017/07/messaggero.jpg

Il talento secondo Andrea Bocelli

 

Andrea Bocelli

Timbro pastoso e riconoscibile come una firma, che risuona in oltre ottanta milioni di dischi, tenore in grado di spaziare dal Belcanto al Verismo, Andrea Bocelli è stato eletto ovunque nel mondo quale testimonianza della più alta tradizione vocale italiana. Da sempre è impegnato nella diffusione globale di messaggi quali positività, speranza, perseveranza, e nel sostenere cause sociali in ambito di ricerca scientifica, lotta alla povertà, universalità dell’educazione primaria. Ciò fa sì che venga percepito, ovunque, come concittadino: voce che dà voce al mondo.  Perfezionatosi sotto la guida di Franco Corelli, Andrea Bocelli ha raggiunto inizialmente una vasta notorietà vincendo nel 1994 il Festival di Sanremo. Parallelamente ha avviato il proprio folgorante percorso classico, affrontando sulla scena – diretto da Lorin Maazel, Seiji Ozawa, Zubin Mehta – i titoli del grande repertorio lirico: da Macbeth e Il Trovatore a Madama Butterfly, La Bohème, Tosca, fino a capolavori francesi quali Werther, Carmen, Roméo et Juliette. Tra gli innumerevoli riconoscimenti, la stella che sulla Walk of Fame di Hollywood brilla dal 2010 in suo onore. Artista dei primati, dei concerti di fronte a folle oceaniche, ha sbaragliato ogni record discografico. Il suo cd Arie Sacre (con la bacchetta di Myung-Whun Chung) si attesta quale album classico più venduto mai pubblicato da un artista solista.

Convinto che la solidarietà sia l’unica risposta concreta alle disuguaglianze, e che dunque non sia solo uno slancio del cuore e un dovere morale, ma anche un atto d’intelligenza, il suo nome fin dagli anni ’90 figura tra i protagonisti d’importanti manifestazioni legate alla filantropia e al supporto di realtà disagiate. Nel 2011 Andrea Bocelli ha dato vita alla Andrea Bocelli Foundation (ABF) al fine di valorizzare, e non disperdere, il patrimonio di relazioni ed il legame di fiducia che egli ha creato e crea con tante persone, in ogni zona del globo che visita ed in cui, fatalmente, è considerato punto di riferimento d’ordine musicale ma anche etico. La Fondazione nasce per aiutare le persone in difficoltà a causa di malattie, disabilità, condizioni di povertà ed emarginazione sociale promuovendo e sostenendo progetti nazionali e internazionali che favoriscano il superamento di tali barriere e la realizzazione del loro pieno potenziale.

Fondazione Andrea Bocelli

La Fondazione Andrea Bocelli nasce nel luglio 2011 dalla volontà del Maestro Bocelli e della sua famiglia di restituire quell’affetto e quella vicinanza raccolte nel corso della sua carriera, viaggiando da una parte all’altra del globo. Dal pensiero che “l’unione fa la forza e che da soli si può fare tanto ma uniti si può molto di più”, è stato naturale evolvere verso un approccio strutturato e alla creazione di una realtà, la Fondazione appunto, che potesse canalizzare tutte queste forze e trasformarle in una risposta concreta d’aiuto verso il prossimo. La Fondazione Andrea Bocelli vuole essere quindi un laboratorio vivo, una colonna di sostegno fatta di tanti piccoli grandi protagonisti, i quali, da ogni parte del globo, si uniscono adoprandosi con generosità «affinché anche le persone più sfortunate o più deboli abbiamo la possibilità di una vita piena di opportunità e di bellezza ed affinché chi merita possa trovare energia e occasioni vere per dare il meglio di sé esprimendo il proprio potenziale.» Unire le forze è lo slogan vincente di tale appassionante progetto: poter aiutare concretamente il prossimo, conquistando il privilegio impagabile di poter essere utili, nella certezza della qualità degli interventi.

Due i programmi della Fondazione: “Challenges” che opera nell’ambito della RICERCA SCIENTIFICA, TECNOLOGIA E INNOVAZIONE SOCIALE e mira ad accogliere, appunto, sfide importanti in termini sia di investimenti da compiere che di risultati da raggiungere, nella volontà di permettere a chiunque abbia difficoltà d’ordine economico o sociale, di arrivare ad esprimere sé stesso; il programma ha lo scopo di mettere insieme le migliori intelligenze per trovare soluzioni innovative che aiutino le persone ad affrontare e superare i limiti posti dalla loro disabilità o disagio verso una migliore qualità di vita. “Break the Barriers” – FIGHTING POVERTY che ha come obiettivo il sostegno e la promozione di progetti che aiutino le fasce più deboli della popolazione in Italia e nei Paesi in Via di Sviluppo, dove condizioni di povertà, malattie, malnutrizione e complesse situazioni sociali invalidano o riducono le aspettative di vita.

La Fondazione vuole promuovere interventi a favore della salute, l’istruzione e l’integrazione sociale e vuole farlo andando, ove possibile, a misurare l’impatto del proprio intervento allo scopo di migliorarlo continuamente.