imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

giovedì, 30 Marzo 2017 Ilquotidianoinclasse.it: i temi della ventitreesima settimana

Si parla di Stephen Hawking nello spazio, di videogiochi e del mollare tutto e cambiare vita

Orsola Riva, per Corriere della Sera, parla di Stephen Hawking nello spazio: la vita come sfida contri i propri limiti. Il matematico più famoso del momento, il teorico dei buchi neri, ha una storia straordinaria perché egli continua a sfidare i limiti imposti dal suo corpo. Costretto sulla sedia a rotelle da una malattia neuro degenerativa ha mietuto successi nel campo matematico e scientifico. La settimana scorsa ha dichiarato che vorrebbe andare nello spazio. Orsola Riva partendo dall’esempio di Hawking chiede se anche ai ragazzi è capitato di avere la sensazione di aver vinto un proprio limite. Hanno mai dimostrato di possedere la resilienza, di sapersi rilanciare e riscoprire superando i propri limiti?

Luca Tremolada, per il Sole 24Ore, parla di videogiochi. L’industria del settore non è piccola, in Italia le vendite superano il miliardo di euro, anche se qui da noi ne produciamo pochi. Il mestiere del futuro è anche quello del game designer cioè colui che progetta i videogame. La scorsa settimana c’è stato il drago d’oro, che è un po’ l’oscar dei videogiochi, dove sono stati premiati i migliori giochi per categoria e dove è stato consegnato un premio per i titoli italiani più belli. L’Italia ha dunque un suo ruolo nel settore ed ha creatività ed idee. I videogiochi raccontano una storia. Luca tremolata chiede: quale storia vorrebbero raccontare con un videogioco?

Gianluigi Schiavon, per Quotidiano Nazionale, parla di mollare tutto e cambiare vita. Partendo dalla frase di Mark Twain “Tra vent’anni sarai più deluso delle cose che non hai fatto che da quelle che hai fatto. Perciò molla gli ormeggi, esci dal porto sicuro e lascia che il vento gonfi le vele” una coppia di Ascoli ha “mollato gli ormeggi” e deciso di vivere con lo zaino in spalla e dieci euro al giorno. La coppia si muove in autostop, a piedi e con i mezzi pubblici e dormono in tenda. Si finanziano lavorando nelle campagne o comunque minimizzando le spese. Vivere liberi e senza ormeggi non capita solo ai giovani, ma anche a coppie mature come Antonella e Stefano Sola. Schiavon chiede: mollare tutto e cambiare vita è per voi un sogno possibile o un azzardo? Ricordate di aver letto libri che parlano di fughe possibili o impossibili?



pag. 1   2   3   4   5   6