imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

martedì, 27 Giugno 2017 Maturità 2017: prova orale

Terminate le prove scritte, è tempo di dare alcuni consigli per il colloquio orale e per le tesine

Terminate le prime tre prove dell’esame di maturità per i circa 500mila studenti impegnati è tempo di ripassi generali per la prova orale che li vedrà protagonisti nei prossimi giorni. Prima dell’ultima prova saranno comunicati i voti delle prime tre prove. Per l’orale non c’è una data d’inizio uguale per tutte le scuole perché sono le singole commissioni da definire il calendario e, solitamente tramite sorteggio, l’ordine in cui verranno interrogati gli studenti. Per qualcuno quindi le vacanze sono più vicine, per qualcun altro un po’ meno, ma il tempo in più potrà essergli utile per ripassare, studiare meglio la tesina e capire anche le tipologie di domande che i commissari effettuano.

Un articolo del Corriere.it cerca di fare il punto su come si calcola il voto finale: se per essere promossi basta avere sessanta punti su un massimo di cento, è interessante sapere quanto ci si può avvicinare al punteggio massimo. Gli ingredienti da sommare sono: i crediti scolastici (calcolati sui risultati medi negli ultimi tre anni di scuola: 8 punti al massimo per il terzo e quart’anno, 9 per il quinto); le prove scritte (da un minimo di 10 a un massimo di 15 ciascuna) e infine la prova orale che va dai 20 (la sufficienza) ai 30 (il massimo). Per chi è al massimo, poi (con un punteggio di almeno 70/100 e un credito scolastico di 15 punti), la commissione può aggiungere al voto ottenuto sommando tutti i fattori un bonus di 5 punti. infine, la lode: può essere attribuita solo a chi ha preso 100/100 senza il bonus e ha ottenuto 8 in tutte le materie, compresa la condotta nel triennio. La lode serve anche per usufruire di borse di studio e premi in base al provvedimento di valorizzazione delle eccellenze del 2007.

Per calcolare il punteggio c’è un’applicazione inventata da un ex studente, diplomato nel 2016. Si chiama «Voto maturità» e aiuta a stimare velocemente e in maniera piuttosto precisa il voto di maturità, sommando tutti i crediti e i punteggi raggiunti.

Fonte corriere.it



pag. 1   2   3   4   5   6