imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

Nutrizione positiva

È più importante aumentare il consumo degli alimenti con effetti favorevoli sulla salute o, invece, ridurre l’apporto di quelli con effetti meno positivi? A questa domanda, importante per chiunque intenda adottare (o promuovere) un’alimentazione in grado di contribuire alla prevenzione delle malattie degenerative tipiche della nostra società, forniscono una risposta molto chiara alcuni recenti articoli scientifici, elaborati in larga parte da un autorevole gruppo di ricerca internazionale (Global Burden of Disease, o GBD), che ha analizzato in modo rigoroso il complesso delle evidenze disponibili in letteratura sull’argomento.

Ne emerge un quadro ben definito; con la sola eccezione del consumo di sale, che secondo la maggioranza degli studi disponibili sarebbe eccessivo, ed andrebbe quindi nettamente ridotto (anche se non è certo che questa indicazione sia valida anche per le persone con valori della pressione arteriosa nella norma), le principali criticità dell’alimentazione, in Europa e nel mondo, sarebbero di segno opposto: il consumo insufficiente di cereali integrali, di frutta e verdura, di fibra alimentare, di acidi grassi polinsaturi sia omega-3 e sia omega-6. Il problema, in altre parole, non sembrano tanto essere gli alimenti che consumiamo in eccesso, ma piuttosto quelli che consumiamo in quantità inadeguate o insufficienti (1).

Analizziamo più in dettaglio i risultati di questi studi. Gli autori hanno calcolato che circa il 22% dei decessi che si osservano nel mondo possono essere attribuiti alle criticità e/o alle inadeguatezze della dieta. La larghissima maggioranza di questi eventi fatali è attribuibile a malattie cardiovascolari o metaboliche (essenzialmente le malattie coronariche, l’ictus cerebrale, il diabete): solo l’1% dei decessi totali (contrariamente a quanto si sente spesso riferire) sarebbe infatti dovuto a malattie tumorali causate dalla dieta.

 

CLICCA QUI PER SCARICARE E STAMPARE LA SCHEDA COMPLETA