imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

header

Inflazione e potere d’acquisto

Inflazione è un vocabolo noto alla maggior parte degli individui poiché, da molto tempo, fa parte del linguaggio quotidiano dei media. Tuttavia, il vero significato del termine e soprattutto i suoi impatti sulla vita di tutti i giorni, risultano ancora piuttosto vaghi per buona parte della popolazione. A prima vista questo termine incute un certo timore poiché in passato è stato protagonista di eventi particolarmente problematici che hanno segnato alcuni periodi storici, ma in realtà è un fenomeno che accompagna costantemente la vita delle persone e ha effetti importanti, non necessariamente negativi, sull’economia di tutti i paesi.

L’inflazione rappresenta la velocità con cui i prezzi di beni e servizi aumentano nel tempo; naturalmente, se i prezzi salgono significa che con la stessa quantità di denaro sarà possibile acquistare di meno, dunque il valore del denaro diminuisce. Il valore del denaro è solitamente espresso in termini di potere d’acquisto e tale grandezza misura, appunto, la quantità di beni e servizi che è possibile acquistare con una data quantità di denaro. Un aumento dei prezzi causa una perdita di potere d’acquisto. Si pensi, ad esempio, al caso di uno studente che intende acquistare un motorino per recarsi a scuola; il motorino costa 1000€ e lo studente inizia a risparmiare di mese in mese in modo tale da accantonare una somma sufficiente per poter comprare il mezzo. Dopo un anno di risparmi lo studente e riuscito ad accumulare 1000€, tuttavia, a causa dell’inflazione, il prezzo del motorino è aumentato sino ad arrivare a 1010€: lo stesso denaro che solo un anno prima sarebbe stato sufficiente per concludere l’acquisto ora non lo è più. È proprio questa perdita di potere d’acquisto associata all’inflazione che spaventa le persone. In realtà l’inflazione non è di per sé un fenomeno negativo, infatti la maggior parte delle Banche Centrali dei paesi sviluppati si pone come obiettivo quello di mantenere l’inflazione su un livello di circa il 2%: ciò significa che l’inflazione è ritenuta necessaria per il buon funzionamento dell’economia, l’importante è che rimanga su livelli contenuti così da permettere ai prezzi di aumentare non troppo velocemente, stimolando la crescita economica e limitando la perdita di potere d’acquisto.

Per capire come mai l’inflazione (bassa) gode di buona reputazione nel mondo dell’economia è necessario capire da dove viene e quali effetti produce sulla vita reale. Vi sono diversi fattori che causano l’aumento dei prezzi e dunque l’inflazione. Vi è la cosiddetta inflazione da domanda che è causata, appunto, da un aumento generalizzato della domanda di beni e servizi. 

 

CLICCA QUI PER SCARICARE E STAMPARE LA SCHEDA COMPLETA