imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

header

Il modello dello stakeholder engagement e la realizzazione delle interviste

 Questa scheda ha lo scopo di aiutare i docenti a indirizzare gli studenti nello sviluppo delle loro strategie di analisi e coinvolgimento degli stakeholder locali nel considerare la Banca come partner essenziale per lo sviluppo sostenibile del territorio.

Nelle schede successive, disponibili sul sito www.osservatorionline.it a partire dal mese di ottobre, i docenti potranno attingere ai molti esempi di soluzioni sostenibili che la Banca ha sviluppato negli anni. Tuttavia, il focus di questa scheda è introduttivo e preparatorio agli aspetti “tecnici” dello sviluppo sostenibile e del ruolo della Banca nel territorio.

Questa scheda vuole essere uno strumento per aiutare a guidare il processo di coinvolgimento delle parti interessate ai progetti di sviluppo sostenibile locale della Banca. Il documento si basa sui principi fondamentali ed alcuni metodi propri della teoria e pratica del coinvolgimento degli stakeholder (portatori di interesse) ed è stata pensata per aiutare gli studenti nell’analizzare e stimolare l'impegno delle comunità locali e di partner di sviluppo come la Banca.

 

A causa della complessità dei sistemi locali e della sostenibilità dello sviluppo, è importante che una strategia per coinvolgere gli stakeholder segua un processo strutturato e informato.

 

Infatti, una comunicazione più ampia ed efficace con gli stakeholder e un loro interessamento attivo sono elementi di successo fondamentali per affrontare in modo positivo e costruttivo idee e opinioni diverse, per accrescere la conoscenza di un determinato argomento e per integrarlo nella strategia di sviluppo di una comunità.

 

Grazie a una strategia di coinvolgimento degli stakeholder, le persone possono presentare le proprie opinioni e avere un certo controllo sugli avvenimenti e scelte future che li riguarderanno.

 

In generale, il metodo proposto raggiunge i seguenti obiettivi:

 

  • Consente ai governi locali di apprendere preziose informazioni per prendere decisioni più informate e sostenibili.
  • Aiuta ad aumentare la legittimità delle politiche locali di attori pubblici e privati.
  • Rende le iniziative più facili da attuare e più prontamente accettate dalla comunità locale
  • Migliora la fiducia tra le parti interessate.
  • Aumenta la possibilità di ottenere risultati desiderabili ed equi.

 

Affinché questi obiettivi possano realizzarsi, il processo di coinvolgimento deve essere sviluppato secondo una strategia strutturata e informata così come proposta nei due punti successivi e nelle relative schede operative.

 

Punto 1. Comprendere il contesto locale

Suscitare interesse del pubblico e degli stakeholder richiede in primo luogo un’analisi del contesto in cui si vuole sviluppare un certo progetto. Solitamente, si suggerisce di tenere conto di quattro fattori chiave.

 

1. Campioni/Leadership: i così detti “leader” o “campioni” della comunità sono soggetti importanti da coinvolgere per sviluppare una strategia di coinvolgimento e diffondere efficacemente messaggi positivi e informazioni utili. Le persone da scegliere potrebbero essere soggetti della comunità locale appartenenti agli organi di governo, alle associazioni di categoria o al mondo del terzo settore così come privati cittadini riconosciuti per il loro impegno nella comunità.

 

2. Lo sviluppo delle capacità: non tutti i membri di una comunità presentano lo stesso livello e qualità delle conoscenze in merito a un certo argomento. Questo è anche vero per i temi dello sviluppo sostenibile e dell’educazione finanziaria. È sicuramente benefico per la comunità locale che questa base di persone informate possa ampliarsi per garantire l’efficacia dei progetti comuni futuri e la condivisione di decisioni informate.

Dunque, l’analisi di contesto dovrebbe aiutare a cogliere anche il livello di preparazione delle persone sulle tematiche oggetto del progetto per poi sviluppare percorsi ad hoc che aiutino le persone coinvolte a capire come funzionano i sistemi locali e quali i benefici dell’uso responsabile del capitale.

Se possibile, i progetti futuri dovrebbero basarsi sulla volontà (più o meno espressa) delle persone di essere istruite/informate in modo da divenire soggetti attivi nella loro comunità e aperti verso un futuro impegno comunitario.

Ciò può richiedere la sensibilizzazione sui temi oggetti del futuro progetto - sostenibilità e ruolo della Banca - attraverso volantini, opuscoli, seminari o altri metodi di sviluppo delle informazioni e delle conoscenze per ottenere un futuro e condiviso sostegno.

 

3. Integrazione: l’integrazione è importante per comprendere come una Banca e le sue politiche di sviluppo sostenibili possano essere integrate nella crescita di lungo termine di una comunità e territorio anche dal punto di vista del governo dello stesso.

L’integrazione con lo sviluppo del sistema socioeconomico è importante anche per aiutare la comunità a comprendere e capire in maniera diretta e trasparente la complessità insita nelle molteplici dinamiche che strategie e pianificazioni di questo genere richiedono.

Da questo punto di vista, le buone pratiche della Banca aiuteranno i soggetti coinvolti e intervistati a comprendere i potenziali di un’integrazione efficace fra politiche e piani di sviluppo pubblici, ruolo del settore Bancario e coinvolgimento della scuola.

Nel caso si ritenesse necessario, i docenti potrebbero aiutare gli studenti a comprendere e analizzare il contesto politico locale nel suo insieme e nelle sue politiche o regolamenti (vedi punto successivo).

 

4. Ambiente di governo locale e politiche locali di sviluppo: questo punto si concentra sull’aiutare gli studenti a comprendere e considerare l'orientamento politico e la filosofia del governo della città espresso dai consiglieri comunali e del sindaco.

Questa parte aiuterà i ragazzi a dialogare direttamente con i decisori territoriali per capire come essi possano influenzare in modo positivo il veicolare di informazioni utili per lo sviluppo sostenibile del territorio e delle sue buone pratiche.

Può seguire, dopo il punto precedente, un’analisi delle politiche di territorio che favoriscono progetti di sviluppo sostenibile per i quali il ruolo della Banca possa o debba essere centrale. I docenti dovrebbero far emergere i possibili e potenziali collegamenti tra il sistema locale, i progetti di sostenibilità e il supporto della Banca.

 

Una volta compreso il contesto locale, gli studenti dovrebbero quindi identificare gli obiettivi chiave e gli obiettivi della loro strategia di coinvolgimento prima di procedere attraverso i passaggi successivi dell’analisi degli stakeholder e della formulazione dei questionari delle interviste.

 

 

 

 

Punto 2: identificare gli stakeholder di progetto e organizzare le domande per le interviste e il futuro coinvolgimento dei soggetti chiave

 

A) Identificazione delle parti interessate

Prima dello sviluppo delle domande e dei messaggi da comunicare, è necessario identificare innanzitutto le parti interessate, i soggetti - persone e organizzazioni - che sono chiave per il coinvolgimento e lo sviluppo del progetto. Si tratta di persone appartenenti o meno a organizzazioni riconosciute e che possono essere interne o esterne al mondo dei ragazzi (es. la scuola, la famiglia, il mondo delle imprese e del lavoro) o che hanno un interesse diretto o indiretto allo sviluppo del progetto.

Al fine di determinare i soggetti coinvolti, i docenti possono far utilizzare una serie di strumenti, tra cui il brainstorming, la mappatura mentale, elenchi generici e lo studio di progetti simili precedenti.

 

Al fine di arricchire il confronto in classe, si suggerisce di partire dall’analisi dei quotidiani in classe in un determinato periodo di tempo precedente e quindi utilizzare uno o più dei metodi indicati in precedenza.

 

Esaminando le notizie relative al territorio e/o ai temi del progetto così come i progetti precedenti, e confrontando i risultati con esercizi di check list o mappe mentali, è possibile ridurre il tempo necessario non solo per individuare i soggetti da coinvolgere ma anche per conoscere in modo approfondito gli attori individuati, le loro idee e azioni in un dato contesto spazio-temporale, i possibili rischi e le preoccupazioni irrisolte degli stessi sui temi oggetto del progetto.

 

Le potenziali fonti di informazioni - le notizie - possono essere integrate dalla ricerca online sui siti dei quotidiani partecipanti all’iniziativa, sui blog dei loro giornalisti così come da informazioni prese direttamente dai siti dei progetti simili individuati.

 

In generale, le parti interessanti da coinvolgere possono riassumersi nei seguenti gruppi:

  • corpo docente e amministrativo della scuola;
  • organizzazioni senza scopo di lucro;
  • aziende;
  • governo locale e partiti politici o organizzazioni simili;
  • media locali;
  • esercizi commerciali;
  • cittadini privati.

 

B) Analisi degli stakeholder

Il passo successivo prevede la comprensione della natura degli interessi degli stakeholder, i loro obiettivi e motivazioni, le potenziali preoccupazioni e il loro livello di influenza (da basso ad alto).

Il primo passo nell'analisi è quello di dividere l'elenco degli stakeholder in: sostenitori, oppositori e osservatori (Figura 1).

 

Figura 1. Elenco degli stakeholder per il progetto XYZ

Osservatori

- Famiglie

- …

- …

Supporter

- Docenti

- …

- ...

Oppositori:

- Commercianti

-…

-…

Indifferenti: 

- Governo

- …

- …

 

Per aiutare in questa fase gli studenti nella comprensione degli interessi degli stakeholder, e al fine di organizzare il questionario, potrebbe essere utile creare una griglia di potere di influenza / interesse in base al livello di interesse e influenza (Figura 2) degli stessi.

 

Figura 2. Griglia o Mappa di Influenza-Interesse degli Stakeholder

Influenza + 

-

Soggetti Interessati

(soggetti interessati ad essere coinvolti nelle aree di loro interesse)

Soggetti chiave

(Partner principali di progetto da coinvolgere nel progetto)

 

Soggetti non interessati

 

Soggetti informati

(desiderano essere informati ma non coinvolti se non in aree marginali ai loro interessi)

- Interesse +

 

Sarebbe utile completare il lavoro precedente con una tabella finale che riassuma queste informazioni e possa determinare delle possibili strategie di successo per il coinvolgimento nel progetto. Riuscire a individuare queste aree aiuterebbe gli studenti nel pensare, realizzare e porre domande molto efficaci ai soggetti chiave del progetto (Figura 3).

 

Figura 3. Tabella riassuntiva della mappatura degli stakeholder

Stakeholder

Influenza

Interesse

Motivazioni, interessi e obiettivi

Azione

Strategia di sostenibilità

Dirigente Scolastico

Alta

Alta

Riuscita del progetto di sostenibilità per il futuro dei propri studenti e per l’inserimento nel mondo del lavoro

Partner chiave

Supporto ai docenti per la partecipazione al progetto e all’organizzazione di eventi correlati

Governo

Basso

Basso

Informati tramite canali di comunicazione impersonali; da coinvolgere eventualmente per evento finale

Basso interesse

Interessato

Famiglie

...

...

...

...

 

 

 

 

 

 

Infine, è bene ricordare che, mentre le opinioni dei soggetti chiave o di quelli molto interessati sono necessariamente interessanti per lo sviluppo del progetto, importanti possono anche essere le idee e le opinioni, così come gli interessi e gli obiettivi, dei soggetti - stakeholder - meno interessati o non così interessati al progetto. Questo perché è sempre bene coinvolgere tutti i soggetti portatori di interesse, anche se a un livello di coinvolgimento ovviamente differente. Potrebbe infatti accadere che il loro coinvolgimento risulti decisivo in una fase successiva di sviluppo o realizzazione del progetto. Comunque sia, questi soggetti avrebbero diritto a essere informati di quanto accade nel loro territorio e comunità.

 

In termini di risorse, gli interessi principali degli studenti e le loro risorse in termini di tempo e lavoro dovranno essere maggiormente indirizzati agli stakeholder chiave in termine di interesse diretto e influenza.

E questa scelta sarà indirizzata dalla vicinanza verso il progetto in termini di interessi e obiettivi da parte di un gruppo di persone o organizzazioni aperte a una positiva interazione, accoglienza e ascolto nei confronti del lavoro degli studenti.

 

È bene però ricordare che l’interesse espresso e riportato nelle risposte alle interviste sarà solo una fotografia di un dato momento. E dunque, immaginando che il lavoro venga portato avanti nell’arco di qualche mese, anche al fine di mantenere il legame con gli stakeholder, sarà utile ritornare dalle persone intervistate - almeno i principali soggetti - per verificare eventuali differenze, accogliere integrazioni o commenti o far loro solo presenti dello stato dei lavori di avanzamento del progetto.

 

Conclusioni

In conclusione, riportiamo di seguito un esempio di domande generali e specifiche che potrebbero essere formulate dagli studenti sia nella fase preparatoria che in quella di contatto con gli stakeholder.

  • Quali sono i vari interessi delle parti coinvolte?
  • Quale influenza potrebbe avere sul progetto?
  • Quali parti interessate possono aiutare meglio nella definizione iniziale di problemi e/o impatti?
  • Con chi è fondamentale interagire per primo e perché?
  • Quali sono le aziende di produzione e servizio o i settori produttivi locali che potrebbero essere maggiormente interessati ai progetti di sviluppo sostenibile qui proposti?
  • Quali sono i fattori che potrebbero rendere le tematiche trattate interessanti e perché? Viceversa, perché non si mostrano interessati?
  • Quale potrebbe essere l’interesse delle famiglie e dei giovani? Perchè si mostrano particolarmente interessati? Quali le aree di interesse?
  • Quanto sono competenti i potenziali partner privati e pubblici sui temi della sostenibilità e dell’educazione finanziaria?
  • Chi sono i principali attori nel settore dello sviluppo sostenibile locale e quanto potrebbero essere interessati nell’essere coinvolti?