imagihttps://osservatorionline.it/media///2019/03/giornale-sicilia.png

giovedì, 11 Gennaio 2007 A scuola con le Fondazioni. E' online il materiale informativo di approfondimento per la lezione didattica

Già da qualche anno è attiva un'importante collaborazione tra il mondo delle Fondazioni di origine bancaria e l'Osservatorio Permanente Giovani - Editori, sia per la realizzazione del progetto "Il Quotidiano in Classe", al quale diverse Fondazioni danno il loro supporto, sia per il convegno "Giovani Lettori, Nuovi Cittadini", che ogni anno l'Osservatorio organizza a Firenze insieme all'Acri, l'associazione che rappresenta collettivamente le Fondazioni di origine bancaria: 88 soggetti non profit, privati e autonomi, diversi per dimensioni e area geografica di riferimento, che perseguono esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo culturale, civile ed economico dei loro territori.
L'Osservatorio e l'Acri, animati dal comune obiettivo di favorire la crescita dei giovani come soggetti attivi della società, affinché siano domani cittadini consapevoli e responsabili, con l'iniziativa "A Scuola con le Fondazioni" intendono proporre ai docenti un progetto didattico del tutto originale. Partendo da una maggiore conoscenza delle Fondazioni di origine bancaria, che sui loro territori operano per rafforzare vari settori di interesse collettivo - in particolar modo ricerca scientifica, istruzione, arte, sanità, cultura, conservazione e valorizzazione dei beni ambientali e paesaggistici, assistenza alle categorie sociali deboli, sviluppo locale - ci si propone di far comprendere meglio ai giovani il senso della partecipazione alla comunità, cogliendone l'evolversi delle esigenze e dando risposte che possono partire anche dall'attenzione e dal contributo di ognuno.
In un contesto in cui lo stato sociale riduce il proprio ruolo, diventa infatti sempre più importante l'azione dei cittadini che, o direttamente impegnati nel non profit o semplicemente partecipi di una cultura della donazione, creano così una società al contempo libera, pluralista e solidale, animata da attori legittimati e qualificati, capaci di dare anche le loro risposte a bisogni vecchi e nuovi, ma comunque crescenti.
Questa realtà nel nostro Paese già esiste, ma va valorizzata e rafforzata. In Italia da un lato ci sono moltissime organizzazioni del volontariato che vi operano, dall'altro ci sono le Fondazioni di origine bancaria, che ne sono in parte il motore economico: esse intervengono sia con erogazioni filantropiche sia con attività dirette, peraltro operando sempre in maniera sussidiaria e assolutamente non suppletiva dei soggetti pubblici, ai quali soli spetta il compito di dare risposte alle necessità basilari del welfare.
Anche i giovani sono il motore di questa realtà "sussidiaria", perché numerosi sono quelli impegnati nel non profit, a dare cuore, braccia e cervello a favore dell'arte, della cultura, della solidarietà. Ebbene, con il progetto "A Scuola con le Fondazioni" questa realtà potrà essere esplorata un po' di più, perché le Fondazioni con le loro erogazioni ne sono uno dei maggiori sostenitori. Esse si fanno carico non solo di erogare denaro, ma di contribuire a identificare le problematiche prioritarie per poi intervenire in termini progettuali secondo i principi cardine della solidarietà e, come già detto, della sussidiarietà.
Dal canto suo, l'Osservatorio con l'intero progetto "Il Quotidiano in Classe" contribuisce alla crescita dei giovani, perché avvicinarli alla lettura dei quotidiani vuol dire non solo fornire loro uno strumento essenziale per crearsi una coscienza critica, e dunque essere liberi di scegliere, ma anche aiutarli a sviluppare l'attitudine a comprendere e ad occuparsi della realtà e, dunque, partecipare alla vita della società.
Con il progetto "A Scuola con le Fondazioni" l'Osservatorio e l'Acri lavorano insieme per dare un contributo specifico alla sensibilizzazione dei giovani all'impegno, nonché un segnale di attenzione affinché sempre più si creino condizioni sociali, culturali, civili, capaci di aiutare il mondo giovanile ad esprimere tutte le potenzialità che lo caratterizzano e che ne fanno un universo straordinariamente fertile.



pag. 1   2   3   4   5   6